Google presenta gli “insiemi di proprietà” nella Search Console

Scritto il

Dopo averlo annunciato lo scorso 23 maggio, Google introduce i cosiddetti “property sets” (insiemi di proprietà), una delle feature più richieste dalla vasta comunità di utilizzatori della Search Console, che amplierà ulteriormente le funzionalità della già ricchissima piattaforma di monitoraggio dei risultati della Ricerca Google, fino a qualche tempo fa denominata Google Webmaster Tools.

Gli “insiemi di proprietà” aiutano i gestori dei siti web a farsi meglio trovare da Google raggruppando differenti proprietà come siti web, pagine mobile o app Android in insiemi di proprietà aggregati.

“Per esempio, scrive Google sul suo blog ufficiale, se hai più di un sito web internazionale o dedicato ad un brand specifico e magari anche un app Android, può essere utile vedere l’andamento dell’interno “set” nel tempo: sta andando tutto nella direzione voluta? Ci sono alcuni valori anomali sui quali vuoi andare a fondo?  (…)”

Con Search Console’s property sets, sarà possibile ora aggiungere ogni proprietà verificata ad uno specifico set così da raccogliere dati segmentati per ciascuno di essi.

Nella pagina dedicata, pubblicata all’interno del Centro di Assistenza Search Console, con il titolo Raggruppamento delle proprietà in insiemi, Google spiega nel dettaglio la novità:

Puoi raggruppare fino a 200 proprietà in un’unica proprietà aggregata chiamata insieme di proprietà. Un insieme di proprietà può contenere proprietà di qualsiasi altro tipo (pagine web o app), ma non altri insiemi. Un insieme di proprietà mostra i dati aggregati relativi a tutte le sue proprietà. Un insieme di proprietà viene visualizzato nell’elenco di proprietà del tuo account.

Di seguito alcune “Regole di base relative agli insiemi di proprietà” che si leggono sempre sul sito informativo:

  • Non puoi aggiungere un insieme a un altro insieme, ma puoi aggiungere qualsiasi altro tipo di proprietà verificata.
  • Puoi aggiungere a un insieme soltanto le proprietà verificate presenti nel tuo account.
  • Per poter accedere a un insieme devi essere almeno un utente con restrizioni verificato per tutti i membri dell’insieme.
  • Se in un secondo momento non hai più accesso a qualsiasi proprietà di un insieme, o non ne sei più un utente verificato, l’intero insieme diventerà non verificato e inaccessibile per te. Continuerà, però, la raccolta dei dati per l’insieme e potrai visualizzare di nuovo i dati non appena riotterrai l’accesso a tutti i membri dell’insieme o verrai verificato di nuovo.
  • Un insieme può avere un solo proprietario e nessun utente; non puoi condividere un insieme con altre persone.
  • Gli insiemi supportano soltanto alcuni rapporti e strumenti disponibili per altri tipi di proprietà.
  • I dati degli insiemi possono essere visualizzati soltanto in forma aggregata; quando vengono visualizzati i dati relativi alle impressioni di un insieme contenente le proprietà X, Y, e Z, viene indicato il numero totale di impressioni relative a X + Y + Z. Per visualizzare soltanto il numero totale di impressioni relative alla proprietà X, devi passare a tale proprietà in Search Console.

Per qualsiasi dubbio o chiarimento il blog di Google rimanda come al solito al Forum dedicato ai Webmaster dove è possibile porre domande ed approfondire ogni aspetto. Per quanto ci riguarda, noi di RdMedia, grandi fan ed utilizzatori della Search Console faremo senz’altro tesoro di queste preziose indicazioni.